1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
 
Contenuto della pagina

Appia Regina Librarum, un ponte di libri e di bytes. Inizia domani a Sezze l'itinerario che termina a Formia il 25 maggio

 

Il prossimo martedì 4 aprile 2017 alle ore 12:00, presso la Biblioteca Comunale di Sezze Scalo, sarà presentato il Progetto Appia Regina Librarum, un ponte di libri e di bytes, promosso dalla Provincia di Latina, grazie ad un contributo della Regione Lazio, ai sensi della L.R. 24 Novembre 1997, n. 42 "Norme in materia di beni e servizi culturali del Lazio". Il Progetto prevede, tra aprile e maggio 2017, un Itinerario di lettura per l'infanzia tra passato e futuro digitale, sviluppato con la collaborazione e la messa in rete delle tre Biblioteche Comunali di Sezze Scalo (capofila) Cisterna di Latina e La Casa dei Libri Formia.
Queste hanno avviato un'attività di collaborazione imperniata sulla comune appartenenza alla via Appia, direttrice spaziale e culturale che da millenni svolge il suo compito di cerniera tra i popoli, strumento per la mobilità delle persone e la circolazione di esperienze e conoscenza.
Attraverso modalità innovative, orientate alla rivoluzione digitale, le Biblioteche sperimenteranno azioni mirate a promuovere la promozione della lettura e la fruizione partecipata del patrimonio culturale del territorio.
Nelle Biblioteche si terranno per i bambini della scuola dell'infanzia e per gli adulti laboratori e seminari nell'ambito del programma nazionale Nati per Leggere, curati dall'Associazione Italiana Biblioteche Sezione Lazio.
Per i bambini della scuola primaria sono previsti laboratori di archeologia, attività in streaming e visite del sito di Minturnae, con la collaborazione dell'Associazione Culturale Lestrigonia. Gli alunni della scuola secondaria di primo grado incontreranno invece in Biblioteca scrittori e scrittrici dell'Associazione Culturale Piccoli Maestri, i quali racconteranno e leggeranno i libri più belli e indimenticabili.
Per maggiori informazioni e per il programma dettagliato del progetto è possibile consultare il sito dedicato www.reginalibrarum.it